Centro Fisioterapisti Roma EUR

Orari di Apertura : Lunedì al Venerdì - dalle 8.30 alle 20.00
  Contatti : 06 59.10.802

Rinforzo muscolare

Molto spesso nelle prescrizioni ortopediche e fisiatriche si legge la voce “rinforzo muscolare”. Questo perché un muscolo non utilizzato o utilizzato per basso carico di lavoro  riduce notevolmente e in tempi brevi le sue dimensioni. Il rinforzo muscolare è quindi sempre  parte integrante di un programma di riabilitazione: sarà la scelta dei giusti esercizi e dell’intensità degli stessi a ripristinare tono e trofismo muscolare  a seguito di un intervento, un’infortunio o altro periodo di scarsa o assente attività motoria.

Nello specifico, la forza muscolare esprime la capacità di un muscolo di opporsi ad una resistenza meccanica  e dipende sia dalla massa muscolare (nell’uomo sviluppabile nel volume delle singole  fibre più che nel loro  numero) e  dal numero di fibre coinvolte nella contrazione. Nella scelta degli esercizi  è opportuno esercitare anche la resistenza allo sforzo muscolare e mantenere l’ elasticità del muscolo. Un muscolo sano ed efficiente nello svolgimento delle attività quotidiane (e sportive)  è forte, resistente ed elastico.  L’elasticità è legata alla forza muscolare in quanto  è quando il muscolo viene allungato che  immagazzina l’energia elastica che poi restituisce, sotto forma di lavoro meccanico, durante la contrazione. Le proprietà elastiche dell’apparato del movimento  svolgono anche un ruolo di tipo protettivo, nei confronti delle strutture articolari e periarticolari, in caso di brusche e repentine sollecitazioni. D’obbligo  calibrare anche  l’entità del carico di lavoro in relazione  all’età del soggetto, tenendo presente che senza un’adeguata attività fisica la massa muscolare tende a diminuire di anno in anno già a partire dai 30 anni di età.

La possibilità di sviluppare forza  da parte di un  muscolo è fortemente dipendente anche dal sistema tonico-posturale e dalla coordinazione motoria: oltre all’intensità dell’esercizio da svolgere è quindi sempre necessario non sottovalutare l’importanza degli esercizi propriocettivi e della valutazione con eventuale correzione della postura del soggetto.

Tiziana Bini, Dott.ssa in Fisioterapia